info@next14.com
+39 02 56567365

Google I/O 2023: le novità sull’intelligenza artificiale annunciate all’evento

Evento Google I/O

PaLM 2: il nuovo modello linguistico di Google 

Durante I/O 2023, Google ha presentato PaLM 2: il nuovo modello linguistico con funzionalità multilingue. 

PaLM 2, in particolare, è aggiornato in termini di termini di ragionamento e coding, ed è stato testato in modo intensivo su testi multilingue, migliorandone significativamente la capacità di comprensione e rendendolo in grado di generare e tradurre testi complessi e ricchi di sfumature (anche con modi di dire, poesie originali ed indovinelli). 

Google Immersive View for Routes 

Google Maps introduce Immersive View for Routes che migliora le informazioni di cui un utente ha bisogno in un determinato posto, inclusi dettagli su simulazioni di traffico, piste ciclabili, incroci complessi, parcheggi ecc.

Bard

Presto Bard, il rivalle di ChatGPT made in Google, sarà disponibile in 180 paesi (compresa l’Italia). Ciò è possibile anche grazie alla recente aggiunta di giapponese e coreano alle lingue a disposizione.

Oltre all’espansione linguistica, Bard ha migliorato gli aggiornamenti di coding e le funzionalità di esportazione e si integrerà anche con servizi di terze parti, tra cui Adobe.

Magic Editor

Grazie a Magic Editor sarà possibile apportare modifiche complesse senza competenze di editing di livello professionale.

Il nuovo tool, infatti, grazie ad un perfetto mix di tecniche di AI  generativa, permetterà a chiunque di apportare modifiche ad un file immagine. 

Raggruppa 567@2x

Ti potrebbe interessare

Ultime Notizie: Piracy Shield di Agcom violato, Amazon investe $4 Miliardi in anthropic, e Canva acquisisce Affinity
Storie di trascrizione dei vocali, partnership tra Apple e Google e Elon Musk che pubblica il codice di Grok

Entra in contatto
con un nostro esperto!

Seleziona l'area di interesse

    * I campi contrassegnati dall’asterisco sono obbligatori



    Proseguendo dichiari di aver letto e compreso l’informativa privacy